“Continuare a cercare per continuare a 
capire”

“Continuare a capire per continuare a cercare”

“Continuare a cercare per continuare a capire”

“Continuare a cercare per continuare a capire”

Il nostro mestiere

Siamo agenti di sviluppo e operatori di comunità nella metamorfosi dei territori. Da oltre trent’anni accompagniamo organizzazioni sociali, economiche e istituzionali attive nei territori a confrontarsi e a metabolizzare le accelerazioni indotte dai processi di modernizzazione del contemporaneo. Lo facciamo in un’ottica inclusiva e coesiva, sia nell’orizzontalità dei territori, sia nella verticalità delle organizzazioni complesse, facendo tesoro della lunga esperienza di frequentazione dei tanti contesi territoriali e delle tante culture organizzative che compongono il Paese, da Sud a Nord.
Blocco uno
In questo storico filone di attività tutti i progetti di ricerca e di intervento che pongono alla base la partecipazione di attori localizzati alla definizione delle strategie…
Read more
Blocco uno
Rientrano in questo ambito progetti e iniziative territoriali finalizzate allo studio delle trasformazioni sociali riconducibili all’emergere di nuove figure lavorative e al riconfigurarsi…
Read more
Blocco due
In questo ambito progetti e iniziative che pongono al centro le ricadute sociali e comunitarie delle profonde trasformazioni di matrice economica e istituzionale che segnano…
Read more
Blocco tre
Questa è l’area che ingloba tutta la tradizione degli studi e degli interventi sullo sviluppo locale e le attività di accompagnamento avviate 
Read more

Manifesto Symbola: “l’economia, la politica e il fare società a misura d’uomo”

Imprenditori, intellettuali, economisti, cittadini qualunque, industriali, politici e sindaci, tutti insieme, ad Assisi hanno sancito un’alleanza per affrontare insieme la sfida della sostenibilità ambientale e anche sociale contro i cambiamenti climatici e per costruire un’economia più forte. Aldo Bonomi, sul suo editoriale su Il Sole 24Ore, definisce quello che promuove il Manifesto ideato dalla Fondazione Symbola, una conversione ecologica per un’economia più a misura d’uomo, proiettando nel futuro le radici del Made in Italy: bellezza qualità e coesione sociale.
bonomi@aaster.it
Sed a libero. Quisque risus erat, posuere at, tristique non, lacinia quis, eros.
“Comunità è una parola fantasmagorica, fantasma di ciò che non è più, la comunità appunto. E allegoria di ciò che ci manca, che sentiamo come mancanza: la comunità come assenza”
Nel labirinto delle paure
Politica, precarietà e immigrazione
di Aldo Bonomi e Pierfrancesco Majorino
Tessiture sociali
La comunità, l’impresa, il mutualismo, la solidarietà
di Aldo Bonomi e Francesco Pugliese

Emilia, le faglie del modello di coesione sociale
Quando il territorio si solleva e diventa bolla calda della politica, come nelle recenti elezioni regionali in Emilia Romagna, osservo dal basso il cielo della politica. Per questo ci sono i politologi. Solo dopo ripercorro i luoghi cercando di capire le tracce dei flussi lasciati dalla politica nella composizione sociale. Cercando di guardare, più che al chi ha vinto e chi ha perso, al suo impatto nella geografia dei luoghi. Quindi, più che al “modello emiliano” da difendere o da conquistare, mi pare interessante ripercorrerlo come territorio-soglia dove si incontrano le lunghe derive della nostra storia socioeconomica e della sua metamorfosi.                                                                                           II Sole 24Ore
I beni intangibili: patrimonio dell’impresa ma anche del territorio
L’importanza crescente che vanno assumendo gli asset intangibili nel determinare la capacità di perseguire con successo le finalità organizzative di una platea di attori economici, sociali e istituzionali pone con altrettanta urgenza il tema di come riconoscere, riprodurre, misurare e valorizzare beni di una natura sfuggente che non possono essere contemplati in un foglio di bilancio, a meno che non siano traducibili in diritti legali come brevetti, patenti o marchi.
Il “tetto di cristallo” del capitalismo di territorio italiano
Nell’ultimo rapporto annuale sui distretti elaborato da Intesa San Paolo e presentato poche settimane fa, si conferma che le aree distrettuali continuano ad essere importanti motori territoriali dell’industria italiana. I dati mostrano che tra 2017 e 2018 fatturato, produttività, export e occupazione sono cresciuti a tassi maggiori rispetto all’industria manifatturiera non distrettuale.
Sede legale
Consorzio A.A.STER S.r.l.
Viale Jenner 73 
20159 Milano
P.IVA e C.F. 08491370154
Sede operativa
Viale Lombardia 32 
20131 Milano 
Contatti
+39 02 26680582
+39 02 26680958
aaster@aaster.it
aaster@pec.it
© 2018 Tutti i diritti riservati – Foto di Uliano Lucas

Realizzato da